Il mio inizio…c’era una volta

Volete sapere perchè mi trovate qui ? questo è il mio inizio . Parte tutto da qui dal cammino , il mio mantra. E’ l’unico momento dove stacco davvero la spina e schiarisco le idee. Dove ho avuto l’illuminazione di scrivere un blog . Perchè camminando ? Mi rifaccio a queste parole di Alessandra Beltrame “Io cammino da sola.

“Ho cominciato a camminare perché volevo andare altrove. Un altrove diverso da quello che potevo raggiungere prendendo un aereo ..no l’altrove si deve conquistare altrimenti che senso ha partire ? Il cammino ti affatica , ti costringe a misurarti con i tuoi limiti , ti distingue da chi è più veloce o più lento di te . Il cammino ti isola , anche se sei in gruppo . Il cammino e spietato ! Il cammino non ti salva ma può essere una cura . Ci sono molti modi di camminare , così come ci sono tanti modi per curarsi. Il cammino libera le tue energie , ti stana dall’egoismo , aiuta ad aprire gli occhi, a guardare e non solo vedere. Solo l’ azione di osservare dove metti i piedi, che diventa automatica passo dopo passo, serve a migliorare la percezione di se’ e del proprio posto nel mondo . Camminare aiuta a vivere . Ma non basta… per camminare e insieme crescere , curarti, guarire, imparare , devi entrare con la mente nei tuoi passi , devi metterci i pensieri . Camminare con la testa. Pensare con i piedi . Camminare allora diventa un esercizio intellettuale , e il viaggio a piedi un esperienza di formazione , una pratica che applichi alla difficile materia del vivere .”

 

 

C’era una volta una me, che aveva tre passioni il lavoro, la danza e il cammino. Era con l’ultima mia passione che creavo idee e fantasie.

E così tutto è iniziato così… camminando. Ho sempre camminato e lo reputo il mio mantra quando ho bisogno di pensare o semplicemente di tenere il naso all’insù.

Il cammino ha sempre fatto parte della mia vita è camminando che ho capito che il mio migliore amico sarebbe diventato mio marito percorrendo i sentieri delle nostre montagne, è durante il cammino di S.Francesco che ho scoperto di essere incinta di Francesco, è durante la salita verso il monte Cimone che ho scoperto (con un test di gravidanza tra i boschi mentre altre persone raccoglievano fragoline di bosco -si proprio così-) di aspettare Emma Paola.  Il mio più grande sogno sarà riuscire a chiudere la porta di casa mia e arrivare a piedi a Santiago , ma questa è un ‘altra storia.

Questa è la coccinella che ho visto subito dopo aver fatto il test di gravidanza tra i boschi 🙂

Di cammini ne ho fatti tanti alcuni anche con i bimbi sulle spalle , penso sia un ottimo modo per fargli conoscere posti meravigliosi  sempre con il naso all’insù. Diciamo che la schiena dev’essere bella allenata ma se lei è in forma e le nostre gambe ce la fanno condividere con loro la magia della natura è davvero il più bel regalo che possiamo fargli.

 

E’ sempre camminando quest’estate che ho pensato “perchè non scrivo un blog ? Ho voglia di condividere le mie esperienze e perchè no magari pensare di poter essere utile a qualcuno raccontando le mie storie” e così eccomi qui.

E se capitasse di non sentirci per un po’ sono semplicemente andata a fare il pieno di energie !

 

About

No Comments

Leave a Comment